Stufe a pellet: le differenze con una normale stufa tradizionale

Le stufe a pellet rappresentano un valido prodotto per riscaldare ogni tipo di ambiente che va ad utilizzare un combustibile ecologico (il pellet nasce dagli scarti di lavorazione del segno quindi in implica dover abbattere nuovi alberi per ricavarlo).

Rispetto ad una normale stufa a legno presenta delle diversità: necessita di essere collegato alla rete elettrica; funziona autonomamente e si accende grazie ad una resistenza elettrica, inoltre la sua capacità dipende dalle dimensioni del serbatoio; dispone di una canna fumaria di un minimo di 80mm sino ad un massimo di 100 mm; monta una ventola che permette di catturare i fumi per poi indirizzarli nella canna fumaria.

A seconda del modello che si sceglie la capienza della stufa cambia infatti può contenere 15 kg di pellet oppure anche più. Il calore emanato da queste sfufe a pellet è ben distribuito nelle varie stanze, ma implica dover creare delle bocchette nei muri in cui la stufa non è presente per riscaldarle. Mentre con una normale stufetta non è possibile quest’operazione tanto che nella maggior parte dei casi la si trasporta all’interno della stanza desiderata per stare al caldo.

Queste stufe a pellet necessitano di manutenzione?

Ovviamente si. Le persone devono pulirla in maniera ordinaria, i residui di pellet rimasti nel cassetto vanno rimossi aiutandosi con un aspiracenere. Mentre per quanto riguarda il vetro sarà opportuno detergerlo con un apposito prodotto. Le pulizie di fondo devono essere effettuate almeno una volta all’anno, poi tutto dipende dall’utilizzo che una persona ne fa. In alcuni casi è necessario richiedere l’intervendo di un esperto per la manutenzione.

Bisogna sapere che esistono in commercio delle sfuge ricoperte di ceramica o in acciaio; inutile dirlo che la ceramica è un materiale migliore rispetto all’acciaio perché trattiene di più il calore. Insomma non resta che decidere il modello che più ci piace e di conseguenza prendersene cura in maniera continuativa e non saltuaria.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *